La più antica barca dell'Adriatico e un preistorico insediamento di palafitte nei fondali vicino a Salvore

SENSAZIONALI SCOPERTE ARCHEOLOGICHE

Le ricerche condotte dal Museo archeologico dell'Istria nei fondali della baia di Zambrattia, poco lontano da Salvore, ha portato nel 2008 a un'incredibile scoperta. A una profondità tra i 2,5 e i 3,2 metri è riemerso un intero insediamento preistorico di palafitte costruite su piloni di quercia, su una superficie di circa 10.000 m2. L'analisi dei resti ben conservati dei piloni nei fondali marini fangosi ha permesso di stabilire che si tratta di un insediamento sommerso databile tra il tardo neolitico e la prima età del rame (tra il 4230 e il 3980 a. C.). Questo sito preistorico di palafitte è un esempio unico lungo il litorale poiché fino ad oggi si disponeva di evidenze attestanti la presenza di palafitte soltanto sulla terraferma, nei fiumi, nei laghi e nelle paludi.

La più antica barca "cucita" del Mediterraneo

Oltre all'insediamento preistorico, nella parte nordoccidentale della baia di Zambrattia, sotto un sottile strato di sabbia, a una profondità di 2,20 m, sono stati riportati alla luce i resti di una costruzione navale risalente tra il 12° e il 10° s. a. C. Una scoperta di grande rilevanza dal momento che si tratta del più antico esempio di barca interamente "cucita" mai trovata nel Mediterraneo.

I resti dello scafo della barca hanno una lunghezza di 6,7 m e una larghezza di 1,6 m. La struttura architettonica della barca, la tecnica di "cucitura" e il fissaggio dello scafo, così come il suo sistema di impermeabilizzazione non sono al momento comparabili con alcun altro esempio nell'ampio bacino del Mediterraneo.

Al termine delle ricerche la barca è stata sepolta in maniera stratificata e sopra di essa è stata posta una rete di ferro a sua protezione.

Mio itinerario

Aggiungi al Mio itinerario

- articoli in Itinerario

Vai al Mio itinerario

Scegliete il vostro alloggio


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrizione non e riuscita. Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido e di accettare l'informativa sulla privacy.