Storia di Umag - Umago

Storia di Umag - Umago

Umag-Umago nacque nell'antichità quando la popolazione delle zone circostanti iniziò a popolare uno stretto isolotto che grazie alla colmata diventava gradualmente sempre più esteso, trasformandosi nella penisola che conosciamo oggi. Nelle fonti scritte viene nominata per la prima volta nel VI secolo come Humagum, e il suo sviluppo fu agevolato in particolare dalla posizione favorevole, poiché la zona umaghese si trova sulla strada verso il sud, da Aquileia, fondata dai Romani come caposaldo per il controllo militare dell'Istria e dell'Adriatico settentrionale.

Molti anni prima della nascita dell'odierna Umago, nella zona circostante esistevano i castellieri preistorici, mentre nel periodo dell'antica Roma erano popolate la maggior parte delle lussuose ville rustiche, in particolare lungo la costa a nord di Umag-Umago, da Zambratija-Zambrattia a Katoro-Catoro.

Resti antichi a Katoro

Al periodo della prima antichità risalgono numerosi reperti preziosi trovati a Punta Katoro-Catoro e a nord di essa, in particolare resti di una ninfa marina con pavimenti musivi. Nel fondale di Katoro-Catoro si sono conservati i resti delle costruzioni della costa e delle banchine, mentre ricerche subacquee hanno riportato alla luce numerosi oggetti di ceramica, generalmente per l'uso in cucina. Nel vortice degli avvenimenti storici, gli insediamenti a Katoro-Catoro iniziarono a perdere importanza, mentre il valore di Umag-Umago cresceva gradualmente.

Umago dopo la caduta dell'Impero romano d'occidente

Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, a Umag-Umago, come del resto in tutta l'Istria, si alternavano i domini dei regni germanici e dell'Impero bizantino, però i rapporti sociali ereditati dai tempi romani non sono mutati significativamente, ad eccezione dell'immigrazione slava. La fine dell'VIII secolo e il IX secolo sono stati segnati dal dominio dello Stato dei Franchi quando iniziò il processo di feudalizzazione. Il principe croato Domagoj nelle guerre di allora con i Franchi distrusse Umag-Umago, dopo di che la città iniziò a indebolirsi.

Il regno della Repubblica di Venezia

Nel pieno Medio evo, Umag-Umago nel 1269 è fra le prime città in Istria ad aver riconosciuto il potere della Repubblica di Venezia, potenza marittima in crescita, sotto la cui amministrazione rimarrà fino alla sua caduta verso la fine del XVIII secolo.

L'ampliamento alla terraferma, fuori dalla penisola, per la prima volta viene nominato nella prima metà del XIV secolo. Nel 1370 lo incendiarono i Genovesi che in quel periodo si contendevano per il predominio dell'Adriatico. Con questo gesto fu distrutto anche l'archivio cittadino.

Nei seguenti secoli Umag-Umago è rimasta praticamente spopolata, non solo per le devastazioni belliche ma anche per le frequenti manifestazioni di peste e malaria. Per questo, nel corso del XVI e XVII secolo la popolano gruppi di abitanti provenienti dai territori meridionali della Penisola balcanica, in particolare della Grecia, dell'Albania e della Dalmazia. I tempi comunque continuavano ad essere tormentati. Le fonti scrivono che nel 1687, nelle incursioni su Umag-Umago i pirati saccheggiavano e rapivano la popolazione.

Umago durante la monarchia austro-ungarica

Con la caduta di Venezia nel 1797 la città entra a far parte del dominio della Monarchia Asburgica, e appena otto anni dopo cade sotto Napoleone. Nonostante la sua amministrazione in Istria non sia durata a lungo, la storia di Umago si ricorderà bene perché in quel periodo, nel 1811 la città fu incendiata dagli Inglesi. Con la sconfitta della Francia di Napoleone Umago nel 1813 diventa parte integrante della Monarchia Austroungarica, sotto la quale attenderà l'inizio della Prima guerra mondiale.

Il Regno d'Italia

Con la fine della guerra, la città cade sotto il dominio del Regno d'Italia. Presto, in un altro grosso incendio, nel 1924 viene distrutto il Palazzo municipale sulla piazza principale vicino alla chiesa.

La fine della Seconda guerra mondiale

Dopo la Seconda guerra mondiale, in queste zone la questione dei confini fu risolta appena nel 1954 quando con un contratto internazionale Umag-Umago, fino ad allora parte del Territorio libero di Trieste, diviene parte integrante della Jugoslavia, e successivamente alla caduta di quest'ultima, della Croazia.

Con lo sviluppo rapido del turismo nella seconda metà del XX secolo, Umag-Umago diventa il centro economico e la città più grande della zona nord-occidentale dell'Istria, nonché un importante centro turistico e sportivo a livello di tutta la Croazia.

share

Scegliete il vostro alloggio


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrizione non e riuscita. Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido e di accettare l'informativa sulla privacy.