Basilica Eufrasiana

Basilica Eufrasiana

La cattedrale di Parenzo è inclusa tra i monumenti più importanti culturali e storici sul territorio croato, e la sua importanza nelle dimensioni globali è stata riconosciuta anche dall’UNESCO, che la inserì, nel 1997, sulla lista del Patrimonio Culturale Mondiale.

Il complesso della cattedrale si trova sulla parte nord della penisola di Parenzo e non include solo la chiesa, ma anche la corte episcopale, il battistero, i resti archeologici validi delle chiese e dei mosaici più antichi, le tecniche artistiche del III secolo.

Eufrasio, il vescovo di Parenzo

Dalle dimensioni grandiose, la cattedrale a tre navate fu costruita sulle fondazioni delle chiese del primo periodo della cristianità, del IV e V secolo, di cui testimoniano gli eminenti mosaici situati sul pavimento. La costruzione fu ordinata nel VI secolo dal vescovo di Parenzo, Eufrasio, motivo per il quale la basilica fu chiamata in questo modo.

Le fonti storiche non parlano molto dello stesso vescovo Eufrasio. Si sa che venne dalla Tracia, e che divenne il vescovo di Parenzo dopo di che l'imperatore Giustiniano conquistò l'Istria. Eufrasio dedicò la basilica alla Assunzione della Vergine Maria e al santo protettore della città, San Mauro. L’abside della basilica fu decorata con uno dei mosaici più belli conservati nel Mediterraneo risalenti al primo periodo di Bisanzio che, tra l’altro, dipingono anche il vescovo con la basilica nella sua mano.

A causa della sua complessità architettonica e della costruzione graduale tra i diversi periodi della storia, il complesso della Basilica Eufrasiana rimane, fino ad oggi, una fonte continua di cognizioni storiche e di sfide per i ricercatori e gli storici dell’arte da diverse parti del mondo.

Mio itinerario

Aggiungi al Mio itinerario

- articoli in Itinerario

Vai al Mio itinerario

Scegliete il vostro alloggio


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrizione non e riuscita. Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido e di accettare l'informativa sulla privacy.